The Blog Single

  • Prestiti personali: condizioni economiche

    I prestiti personali non sono tutti uguali, nel senso che ogni banca o istituto finanziario può proporre agli interessati diverse rate,  garanzie e  interessi.
    Per questo motivo è consigliabile valutare, prima di scegliere diverse proposte considerando l’onerosità complessiva di ciascuna.

    Per farlo non basta guardare all’importo della singola rata mensile, ma sarebbe opportuno cercare di valutare anche tutte le altre voci di spesa che possono essere presenti e che non sono di facile misurazione.

    Ad esempio possono far parte delle voci di spesa di un finanziamento gli interessi, gli oneri accessori, le spese iniziali, i costi assicurativi, etc.

    Per facilitare tali considerazioni consigliamo di valutare, quindi, principalmente il TAN e TAEG che vi verranno proposti.
    Il TAN ( Tasso Annuo Nominale) rappresenta il tasso di interesse, espresso in percentuale e su base annua, applicato al capitale finanziato. Rappresenta la quota di interesse dell’istituto di credito e non contiene eventuali costi aggiuntivi.

    Il TAEG (Tasso Annuo Effettivo Globale)è una misura, espressa in percentuale, calcolata su base annua e rappresenta il costo complessivo del finanziamento. Il TAEG, infatti a differenza del TAN, è comprensivo di eventuali oneri accessori, quali spese di istruttoria e spese assicurative, che sono a carico del cliente.

    In realtà, sotto certe condizioni, la legge italiana consente di escludere dal calcolo del TAEG alcuni voci, che ad esempio possono essere facoltative.
    In linea di massima il TAEG rimane comunque lo strumento migliore di confronto tra finanziamenti con le medesime caratteristiche di importo.

    E’, inoltre, bene sapere che a parità di importo il TAEG diminuisce con l’aumentare della durata del prestito, mentre a parità di durata il TAEG diminuisce all’aumentare della somma finanziata.

0 comment

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Top