The Blog Single

  • CONSIGLI DAVANTI ALLA RICHIESTA DI PRESTITI PERSONALI

    Nel momento in cui si decide di richiedere un prestito personale ci sono diversi passaggi da fare e, sicuramente, se è la prima volta che si richiede un prestito, la cosa migliore è rivolgersi ad un consulente finanziario certificato che ci affianchi in tutto il percorso dalla scelta del finanziamento all’erogazione dei soldi.
    La prima cosa da fare è valutare la propria situazione finanziaria, studiare le spese fisse che abbiamo, la necessità esistente e il massimo che possiamo pagare al mese per la restituzione del prestito, per fare in modo che la parte rimanente ci permetta di vivere con serenità.
    Una volta che abbiamo definito l’importo che vogliamo richiedere, è conveniente studiare le diverse modalità di prestito personale per scegliere quella che si adatti meglio alle nostre esigenze. Generalmente, la scelta di una tipologia di prestito personale o di un’altra dipende, talaltro, dal lavoro che realizzammo, dalla presenza o no di uno stipendio fisso, dal nostro storico finanziario, dalla nostra età e dalla finalità del denaro richiesto in prestito.
    Per esempio, se i soldi sono indirizzati all’acquisto di un prodotto concreto, un prestito al consumo potrebbe essere una soluzione conveniente; se invece, abbiamo bisogno di liquidità aggiuntiva per diverse spese e siamo lavoratori dipendenti, potremmo studiare una richiesta di cessione del quinto o un prestito delega, in base all’importo. Se, al contrario, siamo pensionati e vogliamo ottenere denaro per aiutare i nostri figli e consolidare i nostri debiti, una buona soluzione potrebbe essere la richiesta di un prestito vitalizio.
    Quando abbiamo chiarito la tipologia di prestito che potrebbe interessarci, la cosa migliore è richiedere diversi preventivi per lo stesso importo e di durata simile, sia a banche presenziali che a società finanziarie online, per scegliere il prestito più vantaggioso. Per valutare i diversi preventivi, occorre sempre studiare con attenzione il tasso d’interesse (sia il TAN che il TAEG) e farsi spiegare se ci sono spese non comprese nel proprio tasso. Inoltre, occorre studiare se ci sono penalizzazioni in caso di estinzione anticipata del prestito, o l’importo da pagare nell’ eventuale caso di ritardo nel pagamento delle rate.
    È importante anche, nel caso di richiesta di prestito personale, sapere la tempistica per l’erogazione dell’importo.
    Questi sono alcuni consigli che conviene non dimenticare nel momento in cui ci si voglia avvicinare al mondo dei prestiti ma, come abbiamo già detto prima, la cosa migliore è affiancarsi a società finanziarie di fiducia che sapranno suggerirci la modalità di prestito che è più adatta ad ogni particolare situazione.

0 comment

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Top