The Blog Single

  • Cessione del Quinto

    La cessione del quinto è una tipologia di prestito personale molto particolare che esiste soltanto in Italia, in cui è arrivata nel 2005 regolata dalla legge DPR 180 del 1950 art.13 bis, legge 80 del 14 maggio 2005.

    La cessione del quinto dello stipendio è un finanziamento legato all’attività lavorativa dei richiedenti perché prevede un rimborso tramite l’addebito di rate costanti sulla busta paga o la pensione. Questa rata viene detratta direttamente dal salario e quindi, è il proprio datore di lavoro ad effettuare i pagamenti. Inoltre, queste rate non possono superare la quinta parte dello stipendio/pensione dei richiedenti.

    Questa è una delle differenze più sostanziali tra la cessione del quinto e i prestiti personali tradizionali, nei quali la rata viene pagata dai richiedenti secondo modalità concordate come bonifici, bollettini postali o addebiti sul conto corrente.

    La cessione del quinto è un prestito riservato a dipendenti statali, pubblici o privati con un contratto di lavoro a tempo indeterminato. Nel caso di appartenenti a società private, l’azienda deve avere almeno 16 dipendenti. D’altro canto, anche i pensionati possono ottenere una cessione del quinto, i requisiti sono percepire una pensione di almeno 600 euro mensili e non aver ancora compiuto i 75 anni nel momento della richiesta di prestito. Non possono accedere ad una cessione del quinto dunque, i lavoratori autonomi o i dipendenti con un contratto di lavoro a tempo determinato.

    La cessione del quinto è un finanziamento che permette una dilazione massima di 120 mesi e, per quel che riguarda l’importo ottenibile, è determinato dalla tipologia di stipendio dei richiedenti e dal TFR maturato nel caso dei dipendenti e dall’entità della pensione, nel caso dei pensionati.

    Per ottenere una cessione del quinto non è necessario presentare garanzie, oltre il contratto di lavoro a tempo indeterminato. Infatti, il proprio stipendio rappresenta una garanzia. Inoltre, questo finanziamento include, nel proprio contratto, due polizze assicurative sulle vita e sulla perdita del lavoro che tutelano sia la banca sia la famiglia del richiedente in caso di premorienza o perdita ingiustificata dell’impiego.

    Lo Staff PrestitoaStatali.it

0 comment

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Top